Guerriero in sogno

#guerriero in sogno-

Non sono un guerriero, il mio campo di battaglia è il sogno. Qui ho imparato a vincere molte paure e forse anche a crescere.

Sognando da bambina le favole che mi raccontavano ( ma forse in parte create dalla mia mente) combattevo le mie reali paure reali contro i mostri della notte, presenti principalmente nella figura dell’Orco, terribile anche quando ormai più gli credevo.

Provo ancora oggi il sollievo della vittoria quando sono riuscita a sconfiggerlo contestandogli nel sogno stesso la sua esistenza. Ero cresciuta. Ma il sogno ha continuato a propormi tenebrose ombre rivestendo le mie incertezze di insidie quali serpenti aggrovigliati sul mio cammino. E lucidamente ho inventato il volo per superare la marea strisciante sotto di me. Così ho combattuto il vuoto che si apriva davanti a me, ed era in realtà ciò che della vita non riuscivo a capire. Una maschera.

Poco alla volta i mostri sono scomparsi, ma nel sogno continuavano a farmi tremare immagini come la strada perduta, la casa mia irraggiungibile, l’inarrestabile svanire delle cose amiche.

Sì, ho combattuto il dolore e la paura della vita a metà col sogno, e non si vince mai, neppure quando si fanno cadere i mostri: i mostri li avremo accanto a noi, sempre, ma forse potremo combatterli meglio quando comprenderemo che possiamo un poco placarli togliendo loro la maschera.

This entry was posted in Nessuna. Bookmark the permalink.

Rispondi